9 luglio 2006

Coerenze grafiche

Passiamo ora al solito post legato ad Ubuntu. Tra le letture di questa mattina c'è stato anche questo interessante articolo su madpenguin.org della SUSE Linux Enterprise Desktop 10, a cui in giornata farà seguito anche la lettura di questo secondo articolo sulla "semplice" SUSE Linux 10.1

Ciò che mi ha colpito è la qualità e la coerenza grafica che il team di Novell ha dato al prodotto. Se osservate bene le varie schermate e i vari screencast che accompagnano l'articolo, noterete come tutti gli elementi grafici di sfondo abbiano un aspetto coerente.

Mi riferisco alle immagini usate da Novell per lo sfondo dell'installatore, della procedura di boot, del login manager, dello splash screen e del desktop (se avete Flash installato potete vederli tutti in questo screencast). Sebbene siano l'uno diverso dall'altro, tutti comunque usano gli stessi colori, le stesse tonalità e le stesse decorazioni.

Niente di nuovo, in fondo sono solo copie di quanto fornito da Apple nel Mac OS; però sono semplici ed elenganti, coerenti (l'ho già detto abbastanza) e non pesanti.

Ubuntu, nel rilascio 6.06, tenta di dare una omogeneità agli stessi elementi, ma senza ottenere lo stesso risultato di Novell/SUSE. Basta notare la grande differenza di tonalità tra lo sfondo del login manager e quella del desktop, troppo chiaro il primo, tropo scuro il secondo. Anche lo splash screen risulta a mio avviso un po' troppo carico di elementi (il bordo arrotondato con l'effetto di rilevo, l'incavo attorno al logo, la grande macchia troppo bianca sulla destra).

Come fare per ottenere un simile risultato? Bisogna provare, provare, provare e affidarsia gente di talento. Come il buon Jimmac che nella sua homepage ci mette a disposizione un'anteprima di tutti i vari temi grafici che sono stati provati e sottoposti a giudizio. Sarebbe interssante studiare non tanto il risultato, ma il metodo di realizzazione per ricavare delle linee guida per i futuri prodotti di Ubuntu.

Se infatti è vero che Ubuntu mantiene una coerenza grafica tutta sua (la striscia bianca sotto il logo, quella col lato sinistro tondo, è la stessa nella copertina del CD e nello splash screen, così come i toni di colore), è altrettanto vero che i vari esperimenti proposti da Jimmac sono più eleganti e più al passo con gli attuali "standard" grafici. A me piace moltissimo come la scritta Novell Linux Desktop Entrerprise e il logo di Novell appaiono: sono lì, piccoli e non troppo chiassosi (al contrario della gigantesca scritta Ubuntu nel login manager), anche se l'effetto di riflesso è chiaramente copiato (OK, ispirato) dalla grafica di Apple qua e nel sul sito.

Visto che l'appetito vien managiando, che ne dite di questo nuovo splash screen?

2 commenti:

Milo ha detto...

Concordo, soprattutto sul fattore chiaro-scuro che si ha dopo lo spalsh screen. Sarebbe da portare gli artisti impegnati in Edgy alla conoscenza di questo, dato che ora è stato istituito un "Art Council" (o qualche cosa del genere), prendono le decisioni liberamente, penso che su questo genere di cose ci fosse sempre lo zampino di Mark (vedi modalità spaziale di nautilus nella prima versione).
Mi piace anche l'idea di mettere il collegamento all'Help Center all'interno del menù Applicazioni, più semplice da raggiungere! ;)
E per finire: ma perché non si usa l'icona canonica di firefox e non quella blue scura che usa Ubuntu?
Ciao!

ebassi ha detto...

la domanda che pongo, provocatoriamente, è: perché usare ancora la splash screen? io l'ho disabilitata su dapper dai primi flight e non ne sento la mancanza; il pannello appare in pochi secondi, e so che sta caricando quando questo avviene.