30 settembre 2010

Queen of sugar II



E non vi dirò neppure di quello che cela il sorriso a 32 denti di lui e quello sventolare continuo del Rolex Oyster sotto il naso, che è facile capire che dietro a quelle piume da pavone c'è già la tacca sul fucile da segnare, vede già il rosa della carne morbida e polposa come un fiore di cactus.
Immagina l'incontro come una lotta ma non sa che lei è stanca di lottare, che vuole in fondo solo uno spazio perfetto, in cui possa finalmente cedere le armi e lasciarsi andare, farsi scopare fino al midollo e poi, finalmente, evaporare.

F.

1 commento:

Marly ha detto...

Perché queste cose che scrivi mi sanno tanto stralcio da un romanzo??