23 ottobre 2009

Liberi tutti


Gentili lettrici e lettori, la mia umile persona si pregia di comunicare, anche in vece della simpaticissima Flavia Weisghizzi, la presenza di me medesimo e della lei medesima alla manifestazione LinuxDay 2009, in carne, ossa, neuroni e capelli (io i capelli, Flavia ovviamente i neuroni).

Chiaramente non saremo in ogni località in cui la sunnominata manifestazione si terrà, non siamo ubiqui, ma semplicemente e solamente in quel di Roma (S.Pietro in Vincoli, facoltà di Ingegneria). Ci giungono voci circa la presenza in tale luogo di altre eminenti personalità, che per l'occasione forse indosseranno le divise ufficiali (aka una maglietta color castagna).

Come indicato dal programma della manifestazione, la probabilità di trovarci e individuarci sarà massima nell'aula 1, dalle ore 12 alle ore 13. Il talk sarà ovviamente dedicato a Fedora KDE RPM Ubuntu, in particolare all'imminente rilascio 9.10 Karmic Koala.

Per la parte finale del talk, gli organizzatori della manifestazione ci hanno gentilmente ed entusiasticamente acconsentito l'onore di presentare in anteprima la nostra piccola creatura. Il libro Ubuntu Linux 9.10 Guida Compatta, scritto da lei e me ed edito da Hoepli. Siamo particolarmente contenti, e con noi credo tutta la comunità, che una casa editrice di tale levatura abbia deciso di investire su Linux, su Ubuntu e sulla nostra comunità, che abbia deciso di pubblicare in contemporanea un libro su Windows 7 e su Ubuntu 9.10, a dimostrazione di quanto è cresciuto e di quanto è diventato importante Linux (dai, diciamolo, anche grazie a Ubuntu).

Sappiamo benissimo che, come ogni opera umana, è passibile di errori e migliorie, sappiamo che ci sono molte cose che, per esigenze di spazio o altro, non abbiamo avuto modo di inserire, sappiamo che chi ci sta leggendo conosce molto bene Ubuntu e Linux e tutto il resto. Però crediamo e speriamo di aver infuso un'anima alle nostre parole, di aver creato un prodotto che può essere la porta di ingresso verso il mondo dell'open source, oppure un valido compagno lungo il cammino.

Se a qualcuno venisse voglia di acquistarlo, la Hoepli ha graziosamente concesso la possibilità di acquistarlo online con un congruo sconto. In voi, lo comprerei solo per avere tra le mani forse l'unico libro che può fregiarsi di avere un Capitolo 0 :D

Tornando seri, grazie, da parte mia e di Flavia, a tutti coloro che tengono in vita questo sogno chiamato open source, grazie per averci permesso di arrampicarci sulle spalle dei giganti e vedere il magnifico orizzonte da lassù.

2 commenti:

aldolat ha detto...

Ma veramente un grosso applauso!
Non sapevo assolutamente di quest'opera... e ovviamente bisogna averla! :-D

Complimentissimi!

Bl@ster ha detto...

Complimenti ;)
Ci si becca lì, io sono quello con la felpa dei Dream Theater :D